Salta al contenuto

Blog

Gemelli identici forniscono indizi ai geni di sensibilità

Abbiamo condotto uno studio genetico sulla sensibilità ambientale utilizzando un nuovo approccio che coinvolge gemelli identici. Utilizzando questi risultati, siamo stati in grado di stimare la propensione genetica alla sensibilità ambientale in altri due campioni e abbiamo ottenuto risultati coerenti con le teorie della sensibilità.

Lo stress prenatale promuove lo sviluppo della sensibilità

Il nostro studio ha esaminato se lo stress prenatale aumenta la sensibilità alla cura dei genitori utilizzando un modello animale.

I risultati hanno mostrato che le arvicole della prateria che erano state esposte a piú alti livelli di stress prenatale erano più sensibili alla qualità delle cure che ricevevano in termini di comportamento ansioso e reattività fisiologica.

Consigli pratici per il cervello altamente sensibile

La sensibilità è associata con una maggiore attivazione delle regioni cerebrali implicate nella consapevolezza, nella memoria, e nell’empatia. Tuttavia, tutto ció implica anche un costo, come un maggiore rischio di sovra-eccitazione e sovrastimolazione.

Prove preliminari suggeriscono che per gli individui altamente sensibili il “riposo” sia particolarmente critico per l’integrazione delle informazioni e per tornare a uno stato di equilibrio.

Quanto è affidabile la ricerca sulla sensibilità genetica per l’applicazione in pratica?

La ricerca di intervento ha recentemente iniziato a concentrarsi sulle differenze genetiche al fine di spiegare perché gli interventi funzionano meglio per alcuni rispetto ad altri. Tuttavia, stabilire l’affidabilità di tale ricerca genetica è fondamentale.

La relazione tra sensibilità e tratti di personalità

La ricerca ha dimostrato che la sensibilità è legata a tratti comuni della personalità, come il neuroticismo e l’apertura alle esperienze.
L’associazione con il neuroticismo riflette la tendenza delle persone sensibili a sperimentare lo stress più facilmente.
Al contrario, l’apertura alle esperienze sembra catturare la sensibilità estetica delle persone sensibili e la loro profonda elaborazione delle informazioni.

La sensibilità è nei nostri geni (ma non solo!)

Il nostro studio ha studiato l’ereditarietá della sensibilità.

I risultati hanno mostrato che il 47 per cento delle differenze di sensibilità tra gli individui sono geneticamente determinate, mentre il restante 53 per cento è determinato da fattori ambientali.

Il bene e il male della sensibilità negli insegnanti

Come parte della mia ricerca di dottorato, ho studiato la sensibilità tra gli insegnanti. I risultati mostrano che essere altamente sensibili ha punti di forza e debolezza per gli insegnanti.

Gli insegnanti sensibili hanno riferito di avere più empatia verso i loro studenti, ma hanno anche sperimentato maggiori difficoltà con gli aspetti impegnativi della professione di insegnante.

Le persone si collocano in diversi gruppi di sensibilità: Orchidee, Tulipani e Denti di leone

Dovremmo concepire la sensibilità come una dimensione continua che va da alta a bassa sensibilitá, o come una categoria, per cui alcune persone sono altamente sensibili e altre non lo sono?

Qualità della genitorialità e bambini sensibili

La qualità della genitorialità è importante per tutti i bambini, ma ancor di piú per i bambini che sono altamente sensibili.

I bambini altamente sensibili sono più a rischio di sviluppare problemi comportamentali rispetto ai bambini meno sensibili quando sperimentano una genitorialità autoritaria o permissiva.

Risposta cerebrale delle persone sensibili alle immagini emotive

In risposta alle immagini emotive, le persone altamente sensibili mostrano l’attività cerebrale in aree associate all’elaborazione della ricompensa, alla memoria emotiva, alla vigilanza/paura, all’apprendimento, all’omeostasi, alla consapevolezza, al pensiero riflessivo e all’integrazione delle informazioni.